Filippo La Porta – Poesia come esperienza. Una formazione nei versi.

8,00 

Editore: Fazi Editore
Formato: Brossura
Anno edizione: 2013
Condizioni: Ottimo stato
Pagine: 254

Perché un’antologia poetica oggi? L’Italia, paese di poeti, oltre che di santi e navigatori, sembra affetta da una singolare schizofrenia: da una parte ha smesso di leggere la poesia, dall’altra tende a celebrarla come unico certificato di creatività (contiamo due milioni di poeti!). In questo viaggio alla riscoperta dei principali nomi della poesia italiana, da Dante a Zanzotto, passando – ne citiamo solo alcuni – per Petrarca, Ariosto, Tasso, e ancora Leopardi, Saba, fino a Pasolini e Amelia Rosselli, e per alcuni imprescindibili autori stranieri – tra cui Keats, Baudelaire, Rimbaud, ma anche Hikmet e Szymborska -, il critico e saggista Filippo La Porta rivendica il valore dei versi nel mondo contemporaneo. Oggi più che mai l’esperienza del linguaggio poetico, quella del corpo materiale del testo che si apre a innumerevoli orizzonti di senso, è un prezioso antidoto contro l’assuefazione a una comunicazione onnipresente e standardizzata: “equivalente emotivo del pensiero” (Eliot), la poesia risponde al nostro bisogno di un “sapere” degli affetti, di una scienza “esatta” delle relazioni invisibili (e non ovvie) tra le cose.

 

1 disponibili

COD: 9788864112671 Categorie: ,